La piattaforma documentale xDams è conforme ad EAD (Encoded Archival Description),il modello dati standard o DTD (Document Type Definition) per la codifica di strumenti di corredo archivistici sviluppato e pubblicato (1998) dalla Society of American Archivists in partnership con la Library of Congress.
Obiettivo di EAD è fornire gli enti conservatori di archivi di strumenti di ricerca elettronici consultabili online.
La tecnologia standard di cui si serve (SGML/XML) rende EAD indipendente da specifiche piattaforme hardware e software e ne garantisce l'accettabilità e la validità nel tempo.
EAD è stato sviluppato negli USA sulla base delle pratiche descrittive archivistiche locali, ma è risultato perfettamente compatibile con lo standard internazionale per la descrizione archivistica ISAD(G).
La piattaforma documentale permette anche di includere e codificare quegli elementi informativi non contemplati dalle ISAD, ma comunque presenti nella maggior parte degli strumenti di ricerca, come nel caso di indici e rubriche, accrescendo le vie di accesso ai contenuti informativi.

Anche le informazioni relative ai soggetti produttori sono codificate in formato XML: in questo caso il modello dati di riferimento è EAC (Encoded Archival of Context). Anche se EAC non è ancora accettato come standard ufficialmente riconosciuto viene citato dall'ultima edizione delle norme ISAAR quale "formato di comunicazione che rende possibile lo scambio di record d'autorità archivistici conformi ad ISAAR (CPF) attraverso il World Wide Web".

La scelta di EAD è motivata, in primo luogo, dalla sua flessibilità nella descrizione di oggetti archivistici differenti e dalla sua capacità di rispettare il vincolo archivistico e gerarchico tra le singole unità di descrizione. Questa caratteristica si dimostra particolarmente efficace nel trattamento di risorse documentarie non tradizionali, nella gestione e catalogazione di materiali (come fotografie, filmati etc) custoditi in strutture non deputate istituzionalmente alla conservazione di documenti (archivi fotografici, cinematografici, archivi d'impresa). EAD garantisce infatti l'individuazione univoca del contesto di provenienza di ogni singolo documento e assicura una elevata flessibilità nella scelta dello specifico livello di descrizione della documentazione.

 
 
 
in evidenza
 
 
xdams
extraway
hstudio