XML (eXtensible Markup Language) Ŕ uno standard internazionale di comunicazione e di conservazione fisica dei dati. Nella piattaforma di archiviazione xdams le informazioni sono raccolte e strutturate in banche dati in formato XML: ci˛ assicura l'omogeneitÓ e l'uniformitÓ della descrizione archivistica, ne garantisce lnteroperabilitÓ e riusabilitÓ.

I documenti presenti nel web sono principalmente documenti testuali, a cui possono essere associati oggetti grafici e in taluni casi moduli software; per questa ragione Ŕ possibile introdurre in ambiente digitale anche gli strumenti di ricerca archivistici - siano essi guide, inventari, repertori - tradizionalmente consultati in formato cartaceo. Qualora si rendano disponibili in ambiente elettronico le risorse archivistiche, Ŕ auspicabile che il contenuto informativo risieda in un formato standard, ossia una specifica norma condivisa da una comunitÓ, in grado di favorire la condivisione di oggetti, metodi e processi finalizzati all'interoperabilitÓ degli stessi. In tal modo viene garantita sia la comunicazione tra hardware e software diversi (portabilitÓ interpiattaforma), sia la stabilitÓ e riusabilitÓ delle risorse stesse.
Il linguaggio di codifica testuale XML Ŕ emanato dal World Wide Web Consortium, organizzazione ufficialmente deputata allo sviluppo degli standard tecnologici per il Web

L'utilizzo di XML presenta numerosi vantaggi, tra cui:

  • la possibilitÓ di codificare un numero illimitato di documenti appartenenti alla stessa tipologia, secondo una sintassi comune (o DTD, Document Type Definition), che consiste, essenzialmente, nel creare un insieme di tag che riflette la struttura logica del documento
  • la garanzia di raccogliere, ordinare, gestire e migrare i dati, senza perdita di informazioni, grazie al fatto che il contenuto Ŕ fisicamente separato dal sistema di rappresentazione;
  • l'intelligibilitÓ dei dati, codificati in un formato indipendente da qualsiasi ambiente hardware e software di utilizzo. Ci˛ garantisce l'interoperabilitÓ e la portabilitÓ interpiattaforma delle informazioni, aumentandone, nello stesso tempo, le potenzialitÓ di accesso
  • la possibilitÓ di accedere e consultare ogni tipologia di risorsa archivistica in un ambiente comune (XML)

XML pu˛ essere utilizzato dagli operatori dei beni culturali come formato di scambio dei dati, favorendo, con il trattamento on line delle risorse, le politiche di conservazione e valorizzazione del patrimonio documentario adottate dai responsabili degli archivi.
Con XML si potenziano i servizi per gli archivi: Ŕ possibile non solo codificare la descrizione delle fonti ma anche associare ai metadati descrittivi la riproduzione digitale dei documenti, o realizzare, elaborando fogli di stile specifici, inventari a stampa tradizionali (in formato PDF)

 
 
 
in evidenza
 
 
xdams
extraway
hstudio